CANOVA

CANOVA

L’ 8, 9, 10 APRILE: Ci sono dei luoghi comuni, dei “must”, che vengono utilizzati per sintetizzare dei concetti, dei gusti, o delle narrazioni. In un certo ambito culturale, non per forza ricercatissimo o raffinato, per indicare qualcosa di classico, di bianco, di quieto nella rappresentazione si può dire: sembra un Canova. Non è cosa comune con un nome racchiudere tanti ideali estetici. Ma con lo scultore veneto questo accade. Antonio Canova (1757/1822) rappresenta l’apoteosi della messa in scena plastica. La Paolina Bonaparte (1804/1808) posta nella sala centrale di Villa Borghese – luogo per cui la scultura, ritratto della nota borghese, era stata pensata e da cui non si è mai mossa – è il primo passaggio verso cui il pubblico si dirige. Sembra che i visitatori vadano prima “da” Canova per poi passare al Bernini, testimonia Mario Guderzo, direttore del Museo e Gipsoteca Antonio Canova di Possagno, il paese di nascita dello scultore. Però questa attenzione all’antichità lo schivo Canova l’ha un po’ pagata: nei salotti culturali, nelle case dei collezionisti e dei nobili che lo invitavano a scolpire opere per le loro proprietà, lo scultore veniva infatti attaccato, a volte deriso, perché lavorava su temi del passato, riportandone anche lo stile. Ma lo scultore non copiava i grandi modelli: li imparava, analizzava, assorbiva, per poi ricrearli a modo suo, con l’utilizzo di martello e scalpello da cui mai si è staccato, per tutto il corso della sua lunga vita. Due strumenti di lavoro che già utilizzava nella bottega del nonno scalpellino e con cui ha viaggiato per l’Italia con, si dice, il suo cappello di carta in testa. Da Venezia, città che aveva vissuto sugli allori con grandi maestri come Tiziano, Tintoretto e Canaletto, che stava però decadendo dai punti di vista politico, sociale e culturale, a Roma e poi Napoli, fino a giungere a Londra, alla corte di Giorgio VI che gli commissionò la scultura – pezzo unico, che Canova non ha mai più replicato per richiesta del sovrano inglese – Marte e Venere (1817/1819), dopo il successo ottenuto con la composizione di Adone e Venere (1789/1794). Francesco Invernizzi mette in scena un altro racconto su un personaggio culturalmente mitico quale è stato Canova. Un simbolo proprio come quei soggetti, i miti classici appunto, che l’artista si faceva leggere in studio mentre scolpiva il gesso, per poi riattivarlo in prezioso marmo, focalizzandosi principalmente sull’estetica e lo stile, che dovevano essere perfetti. Le mitologie erano storie da “mandare in corpo”, diceva lo scultore per spiegare la mediazione con i grandi classici, da riscoprire e ritrattare. Imitare gli antichi per diventare grandi.

Regia di Francesco Invernizzi
Un film Titolo originale: Canova
Genere DocumentarioBiografico 2018
Uscita cinema lunedì 18 marzo 2019
distribuito da Magnitudo con Chili

ORARI DELLE PROIEZIONI DI CANOVA

  • mercoledì 10 Aprile - 21:00


Related posts

SCAPPO A CASA

SCAPPO A CASA

DAL 10 APRILE: Scappo a casa, il film di Enrico Lando, vede protagonista Michele (Aldo). Quel che conta per lui è apparire: far colpo sulle belle donne (solo per accumulare punti su un'applicazione di incontri), guidare macchine di lusso (non perché ne sia proprietario ma perché...

LA GRANDE ARTE AL CINEMA 2019 – PARTE 2

LA GRANDE ARTE AL CINEMA 2019 - PARTE 2

Il 15, 16 e 17 APRILE ci sposteremo quindi in Spagna con IL MUSEO DEL PRADO. LA CORTE DELLE MERAVIGLIE Prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital con il sostegno di Intesa Sanpaolo in occasione delle celebrazioni del duecentesimo anniversario del museo, il film ci accompagna in...

GRAZIE DAVVERO.

GRAZIE DAVVERO.

Grazie, di essere stati presenti in questi 7 anni. GRAZIE davvero, per tutto quanto avete condiviso. Ora, per me, è giunto il momento di cedere ad altri il passo, perché possano accompagnarvi in tutto quanto ho condiviso con voi in questo tempo, nel miglior modo che mi è riuscito. Mi vedrete...

BENTORNATO PRESIDENTE!

BENTORNATO PRESIDENTE!

DAL 28 MARZO: Bentornato Presidente!, il film diretto da Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi, è il sequel di Benvenuto Presidente! e vede il Presidente Peppino Garibaldi(Claudio Bisio) che torna a portare scompiglio nei palazzi della politica. Ad affiancarlo, nei panni dell'amata Janis...

DUMBO

DUMBO

DAL 28 MARZO: Nel nuovo film Disney live action Dumbo, diretto da Tim Burton, Holt Farrier (Colin Farrell) è una ex star del circo che al ritorno dalla guerra trova la propria vita sconvolta. Il proprietario del circo Max Medici (Danny DeVito) assume Holt chiedendogli di occuparsi di un...

SANTIAGO, ITALIA DI NANNI MORETTI

SANTIAGO, ITALIA DI NANNI MORETTI

Santiago, Italia, il film diretto da Nanni Moretti, racconta, attraverso le parole dei protagonisti e i materiali dell'epoca, i mesi successivi al colpo di stato dell'11 settembre 1973 che pose fine al governo democratico di Salvador Allende in Cile. Il film si concentra, in particolare, sul...

NESSUNO COME NOI

NESSUNO COME NOI

DAL 18 OTTOBRE: Tratta dall'omonimo romanzo di Luca Bianchini. Ambientato nella Torino degli anni Ottanta, quando non esistevano social networks e smartphone, Nessuno come noi è una commedia romantica dai risvolti amari sulle imperfezioni dell'amore. Cosa succede al tuo cuore quando scopri che...

MAMMA MIA!

MAMMA MIA!

DAL 6 AL 9 SETTEMBRE: Donna (Streep) è una madre single e indipendente, che ha cresciuto da sola la vivace figlia Sophie, (Amanda Seyfried), ormai prossima alle nozze, e che ha gestito con successo un piccolo hotel su una splendida isola in Grecia. Al matrimonio di sua figlia, Donna ha invitato...

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

Daniel (Auteuil) è molto innamorato di sua moglie ma è anche noto per la sua fervida immaginazione. Spesso si ritrova a dover gestire il suo miglior amico (Depardieu), presenza a volte fin troppo ingombrante. Quando quest'ultimo insiste per organizzare una cena "tra coppie" con...

Leave a comment