CANOVA

CANOVA

L’ 8, 9, 10 APRILE: Ci sono dei luoghi comuni, dei “must”, che vengono utilizzati per sintetizzare dei concetti, dei gusti, o delle narrazioni. In un certo ambito culturale, non per forza ricercatissimo o raffinato, per indicare qualcosa di classico, di bianco, di quieto nella rappresentazione si può dire: sembra un Canova. Non è cosa comune con un nome racchiudere tanti ideali estetici. Ma con lo scultore veneto questo accade. Antonio Canova (1757/1822) rappresenta l’apoteosi della messa in scena plastica. La Paolina Bonaparte (1804/1808) posta nella sala centrale di Villa Borghese – luogo per cui la scultura, ritratto della nota borghese, era stata pensata e da cui non si è mai mossa – è il primo passaggio verso cui il pubblico si dirige. Sembra che i visitatori vadano prima “da” Canova per poi passare al Bernini, testimonia Mario Guderzo, direttore del Museo e Gipsoteca Antonio Canova di Possagno, il paese di nascita dello scultore. Però questa attenzione all’antichità lo schivo Canova l’ha un po’ pagata: nei salotti culturali, nelle case dei collezionisti e dei nobili che lo invitavano a scolpire opere per le loro proprietà, lo scultore veniva infatti attaccato, a volte deriso, perché lavorava su temi del passato, riportandone anche lo stile. Ma lo scultore non copiava i grandi modelli: li imparava, analizzava, assorbiva, per poi ricrearli a modo suo, con l’utilizzo di martello e scalpello da cui mai si è staccato, per tutto il corso della sua lunga vita. Due strumenti di lavoro che già utilizzava nella bottega del nonno scalpellino e con cui ha viaggiato per l’Italia con, si dice, il suo cappello di carta in testa. Da Venezia, città che aveva vissuto sugli allori con grandi maestri come Tiziano, Tintoretto e Canaletto, che stava però decadendo dai punti di vista politico, sociale e culturale, a Roma e poi Napoli, fino a giungere a Londra, alla corte di Giorgio VI che gli commissionò la scultura – pezzo unico, che Canova non ha mai più replicato per richiesta del sovrano inglese – Marte e Venere (1817/1819), dopo il successo ottenuto con la composizione di Adone e Venere (1789/1794). Francesco Invernizzi mette in scena un altro racconto su un personaggio culturalmente mitico quale è stato Canova. Un simbolo proprio come quei soggetti, i miti classici appunto, che l’artista si faceva leggere in studio mentre scolpiva il gesso, per poi riattivarlo in prezioso marmo, focalizzandosi principalmente sull’estetica e lo stile, che dovevano essere perfetti. Le mitologie erano storie da “mandare in corpo”, diceva lo scultore per spiegare la mediazione con i grandi classici, da riscoprire e ritrattare. Imitare gli antichi per diventare grandi.

Regia di Francesco Invernizzi
Un film Titolo originale: Canova
Genere DocumentarioBiografico 2018
Uscita cinema lunedì 18 marzo 2019
distribuito da Magnitudo con Chili

ORARI DELLE PROIEZIONI DI CANOVA

  • mercoledì 10 Aprile - 21:00


logo

Related posts

RED LAND – ROSSO ISTRIA

RED LAND - ROSSO ISTRIA

Red Land (Rosso Istria), il film diretto da Maximiliano Hernando Bruno, è ambientato nel settembre del 1943, nei giorni in cui nei territori italiani martoriati dalla guerra scoppia il caos: il maresciallo Badoglio, capo del governo italiano, chiede ed ottiene l’armistizio da parte degli...

QUINTANA É TORNATO di JOHN TURTURRO

QUINTANA É TORNATO di JOHN TURTURRO

The Jesus Rolls - Quintana è tornato, il film diretto ed interpretato da John Turturro, è lo spin-off del film cult Il Grande Lebowski del 1998.Nel film John Turturro torna a rivestire i panni di Jesus Quintana. Il mitico campione di bowling si troverà al centro di una vicenda che lo vede parte...

PANAMA PAPERS

PANAMA PAPERS

Panama Papers, il film diretto da Steven Soderbergh, racconta lo scandalo dei Panama Papers, ovvero la raccolta di oltre 11 milioni di documenti confidenziali dello studio legale di Panama Mossack Fonseca, che contiene informazioni dettagliate su oltre 214.000 società offshore, fatta arrivare...

IL CARDELLINO

IL CARDELLINO

Il Cardellino, il film diretto da John Crowley, segue la storia di Theodore “Theo” Decker (Ansel Elgort) la cui esistenza viene sconvolta all'età di 13 anni, quando sua madre venne uccisa dallo scoppio di una bomba al Metropolitan Museum of Art. Questa tragedia cambia per sempre il corso della...

TOLKIEN

TOLKIEN

Tolkien, film diretto da Dome Karukoski, è un biopic dedicato all'autore della saga del Signore degli Anelli che ripercorre gli anni di formazione dello scrittore e le esperienze che lo hanno portato alla stesura dei romanzi della Terra di Mezzo. Orfano sopravvissuto alla Prima guerra...

STAR WARS: L’ASCESA DI SKYWALKER

STAR WARS: L'ASCESA DI SKYWALKER

DAL 18 DICEMBRE: Star Wars: L'ascesa di Skywalker, film diretto da J.J. Abrams, è il terzo capitolo della trilogia della saga di Guerre Stellari ed è l'episodio finale epico dell'epopea su Skywalker. Un anno dopo gli eventi del precedente film, Gli ultimi Jedi, la Resistenza sopravvissuta o...

IL SOLE É ANCHE UNA STELLA

IL SOLE É ANCHE UNA STELLA

Il Sole è anche una Stella, il film diretto da Ry Russo-Young, racconta la storia diDaniel Bae (Charles Melton), romantico universitario e Natasha Kingsley (Yara Shahidi) pragmatica di origini giamaicane, i due si conoscono - e si innamorano - in una notte magica tra il fervore e il turbinio di...

IT CAPITOLO 2

IT CAPITOLO 2

DAL 05 SETTEMBRE: Il male risorge a Derry quando il regista Andy Muschietti riunisce il Club dei Perdenti - giovani e adulti – con un ritorno a dove tutto ebbe inizio.It - Capitolo due è il sequel del grande successo del film "IT", sempre firmato da Muschietti. Ridefinendo e trascendendo...

SCAPPO A CASA

SCAPPO A CASA

DAL 10 APRILE: Scappo a casa, il film di Enrico Lando, vede protagonista Michele (Aldo). Quel che conta per lui è apparire: far colpo sulle belle donne (solo per accumulare punti su un'applicazione di incontri), guidare macchine di lusso (non perché ne sia proprietario ma perché...

Leave a comment