I CALLED HIM MORGAN

I CALLED HIM MORGAN

IL 24 GIUGNO: Con la partecipazione straordinaria di ASHLEY KAHN – Grammy Award per la categoria Best Historical Albumdel  La sera del 19 febbraio 1972, durante una violenta tempesta di neve, allo Slugs, club newyorkese dell’East Village, il trombettista Lee Morgan, 33 anni, viene colpito e ucciso da un colpo di pistola. A far fuoco è Helen Joyner Crawford, la sua compagna, nonché agente e factotum, nello sgomento generale di amici e colleghi, che li conoscono come coppia inseparabile.
Recuperando l’intervista audio a Helen registrata nel ’96 dal docente e conduttore radio Larry Reni Thomas, lo svedese Kasper Collin ripercorre la loro storia d’amore attraversata dal jazz (un po’ come La La Land, film d’apertura del Concorso di Venezia 73) ma minata da presupposti sociali molto differenti.
La direzione della storia è indicata proprio dalla voce originale di Helen, incisa su nastro, e dalle interviste video di diversi colleghi musicisti più o meno coetanei di Morgan. Ma in larga parte anche dalle foto in bianco e nero delle session nelle varie band, tra compagni di scorribande anche alcoliche e automobilistiche, e da filmati di New York tra gli anni ’50 e i primi ’70: unico, irripetibile contenitore di una rivoluzione non solo musicale ma anche civile. Un archivio coronato dalla musica originale degli stessi protagonisti, talvolta riproposta in esecuzioni live televisive.
È a New York che Helen, originaria di Wilmington, North Carolina, abituata ad aprire la sua casa a musicisti e dropout, aveva conosciuto Lee nel 1967, quando era spiantato e depotenziato dall’uso di eroina. Hanno 14 anni di differenza, lei ha un figlio della stessa età di lui, concepito da adolescente e frutto della violenza di un uomo che morirà presto in circostanze non chiare, in una provincia da cui lei vuole fuggire ed emanciparsi. Helen ha la saggezza della strada, una sfacciataggine che non passa inosservata e cerca una rinascita nella Grande Mela. Morgan, dopo aver militato nei Jazz Messengers assemblati da Art Blakley a metà anni ’50, e poi nella Big Band di Dizzy Gillespie, aveva salvato con il suo disco più famoso, “The Sidewinder” (1963), i bilanci della Blue Note, ma poi era precipitato nella dipendenza.
Sessionman anche di John Coltrane, il trombettista è ricordato dal compagno sassofonista Wayne Shorter e dagli altri amici interpellati come un artista molto sicuro di sé e destinato al grande successo, dotato di qualità compositive e di esecuzione capaci di insidiare sia Gillespie che Miles Davis: agilità tecnica, esibizione energica. Insomma, un eccellente rappresentante di quello che in quel momento si definiva hard bop, ma curioso dell’evoluzione del genere verso l’r&b e il funky. Sarà l’amore di Helen a salvarlo e rilanciarne la carriera. Ma anche a decretarne la morte, accecata dalla gelosia per una donna più giovane, come in una tragedia greca in cui chi è stato vittima di violenza non può che ripeterla.
Fusione non sempre avvincente di ricostruzione criminale e doc musicale, I Called Him Morgan sceglie di rivelare il finale in apertura e di procedere quindi in senso cronologico, concedendo molto spazio agli interventi dei musicisti testimoni dei fatti. Collin, che nel 2006 aveva prodotto e diretto My Name Is Albert Ayler, sull’omonimo sassofonista free jazz statunitense, sfrutta a pieno la ricchezza dei repertori per esplorare una singolare, mutua assistenza. E pare più affascinato da quel particolare contesto e dalla ricerca di stile dei suoi protagonisti che interessato ai temi politici (accennati da Morgan nell’album “Search For A New Land”, del 1964) o alla frustrazione della comunità black per lo sfruttamento bianco di un patrimonio afroamericano. Fuori concorso alla Mostra di Venezia 2016.

ORARI DELLE PROIEZIONI DI I CALLED HIM MORGAN

  • sabato 24 Giugno - 16:00


Related posts

GRAZIE DAVVERO.

GRAZIE DAVVERO.

Grazie, di essere stati presenti in questi 7 anni. GRAZIE davvero, per tutto quanto avete condiviso. Ora, per me, è giunto il momento di cedere ad altri il passo, perché possano accompagnarvi in tutto quanto ho condiviso con voi in questo tempo, nel miglior modo che mi è riuscito. Mi vedrete...

RED LAND – ROSSO ISTRIA

RED LAND - ROSSO ISTRIA

IL 21 DICEMBRE: Red Land (Rosso Istria), il film diretto da Maximiliano Hernando Bruno, è ambientato nel settembre del 1943, nei giorni in cui nei territori italiani martoriati dalla guerra scoppia il caos: il maresciallo Badoglio, capo del governo italiano, chiede ed ottiene...

SE SON ROSE

SE SON ROSE

Cosa succederebbe se qualcuno mandasse di nascosto alle tue ex dal tuo cellulare: "Sono cambiato. Riproviamoci!"..? E' quello che accade a Leonardo Giustini (Pieraccioni) giornalista che si occupa di tecnologia e innovazione per il web. Sua figlia, stanca di vedere il padre campione di...

SANTIAGO, ITALIA DI NANNI MORETTI

SANTIAGO, ITALIA DI NANNI MORETTI

Santiago, Italia, il film diretto da Nanni Moretti, racconta, attraverso le parole dei protagonisti e i materiali dell'epoca, i mesi successivi al colpo di stato dell'11 settembre 1973 che pose fine al governo democratico di Salvador Allende in Cile. Il film si concentra, in particolare, sul...

NESSUNO COME NOI

NESSUNO COME NOI

DAL 18 OTTOBRE: Tratta dall'omonimo romanzo di Luca Bianchini. Ambientato nella Torino degli anni Ottanta, quando non esistevano social networks e smartphone, Nessuno come noi è una commedia romantica dai risvolti amari sulle imperfezioni dell'amore. Cosa succede al tuo cuore quando scopri che...

MAMMA MIA!

MAMMA MIA!

DAL 6 AL 9 SETTEMBRE: Donna (Streep) è una madre single e indipendente, che ha cresciuto da sola la vivace figlia Sophie, (Amanda Seyfried), ormai prossima alle nozze, e che ha gestito con successo un piccolo hotel su una splendida isola in Grecia. Al matrimonio di sua figlia, Donna ha invitato...

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

Daniel (Auteuil) è molto innamorato di sua moglie ma è anche noto per la sua fervida immaginazione. Spesso si ritrova a dover gestire il suo miglior amico (Depardieu), presenza a volte fin troppo ingombrante. Quando quest'ultimo insiste per organizzare una cena "tra coppie" con...

MAMMA MIA! CI RISIAMO

MAMMA MIA! CI RISIAMO

Preparatevi di nuovo a cantare e ballare, ridere ed amare! Dieci anni dopo Mamma Mia! il film che ha incassato oltre 600 milioni di dollari in tutto il mondo, siete invitati a tornare nella magica isola greca di Kalokairi in un nuovo ed originale musical basato sulle canzoni degli ABBA...

TUTTI IN PIEDI

TUTTI IN PIEDI

Tutti in piedi, il film diretto da Franck Dubosc, vede protagonista Jocelyn(Franck Dubosc), un uomo d'affari di successo, un inguaribile seduttore e un bugiardo incallito. Un giorno, a causa di un malinteso, viene scambiato per disabile dalla vicina di casa della defunta madre, la giovane e...

Leave a comment