I CALLED HIM MORGAN

I CALLED HIM MORGAN

IL 24 GIUGNO: Con la partecipazione straordinaria di ASHLEY KAHN – Grammy Award per la categoria Best Historical Albumdel  La sera del 19 febbraio 1972, durante una violenta tempesta di neve, allo Slugs, club newyorkese dell’East Village, il trombettista Lee Morgan, 33 anni, viene colpito e ucciso da un colpo di pistola. A far fuoco è Helen Joyner Crawford, la sua compagna, nonché agente e factotum, nello sgomento generale di amici e colleghi, che li conoscono come coppia inseparabile.
Recuperando l’intervista audio a Helen registrata nel ’96 dal docente e conduttore radio Larry Reni Thomas, lo svedese Kasper Collin ripercorre la loro storia d’amore attraversata dal jazz (un po’ come La La Land, film d’apertura del Concorso di Venezia 73) ma minata da presupposti sociali molto differenti.
La direzione della storia è indicata proprio dalla voce originale di Helen, incisa su nastro, e dalle interviste video di diversi colleghi musicisti più o meno coetanei di Morgan. Ma in larga parte anche dalle foto in bianco e nero delle session nelle varie band, tra compagni di scorribande anche alcoliche e automobilistiche, e da filmati di New York tra gli anni ’50 e i primi ’70: unico, irripetibile contenitore di una rivoluzione non solo musicale ma anche civile. Un archivio coronato dalla musica originale degli stessi protagonisti, talvolta riproposta in esecuzioni live televisive.
È a New York che Helen, originaria di Wilmington, North Carolina, abituata ad aprire la sua casa a musicisti e dropout, aveva conosciuto Lee nel 1967, quando era spiantato e depotenziato dall’uso di eroina. Hanno 14 anni di differenza, lei ha un figlio della stessa età di lui, concepito da adolescente e frutto della violenza di un uomo che morirà presto in circostanze non chiare, in una provincia da cui lei vuole fuggire ed emanciparsi. Helen ha la saggezza della strada, una sfacciataggine che non passa inosservata e cerca una rinascita nella Grande Mela. Morgan, dopo aver militato nei Jazz Messengers assemblati da Art Blakley a metà anni ’50, e poi nella Big Band di Dizzy Gillespie, aveva salvato con il suo disco più famoso, “The Sidewinder” (1963), i bilanci della Blue Note, ma poi era precipitato nella dipendenza.
Sessionman anche di John Coltrane, il trombettista è ricordato dal compagno sassofonista Wayne Shorter e dagli altri amici interpellati come un artista molto sicuro di sé e destinato al grande successo, dotato di qualità compositive e di esecuzione capaci di insidiare sia Gillespie che Miles Davis: agilità tecnica, esibizione energica. Insomma, un eccellente rappresentante di quello che in quel momento si definiva hard bop, ma curioso dell’evoluzione del genere verso l’r&b e il funky. Sarà l’amore di Helen a salvarlo e rilanciarne la carriera. Ma anche a decretarne la morte, accecata dalla gelosia per una donna più giovane, come in una tragedia greca in cui chi è stato vittima di violenza non può che ripeterla.
Fusione non sempre avvincente di ricostruzione criminale e doc musicale, I Called Him Morgan sceglie di rivelare il finale in apertura e di procedere quindi in senso cronologico, concedendo molto spazio agli interventi dei musicisti testimoni dei fatti. Collin, che nel 2006 aveva prodotto e diretto My Name Is Albert Ayler, sull’omonimo sassofonista free jazz statunitense, sfrutta a pieno la ricchezza dei repertori per esplorare una singolare, mutua assistenza. E pare più affascinato da quel particolare contesto e dalla ricerca di stile dei suoi protagonisti che interessato ai temi politici (accennati da Morgan nell’album “Search For A New Land”, del 1964) o alla frustrazione della comunità black per lo sfruttamento bianco di un patrimonio afroamericano. Fuori concorso alla Mostra di Venezia 2016.

ORARI DELLE PROIEZIONI DI I CALLED HIM MORGAN

  • sabato 24 Giugno - 16:00


logo

Related posts

BOTTICELLI E FIRENZE, LA NASCITA DELLA BELLEZZA.

BOTTICELLI E FIRENZE, LA NASCITA DELLA BELLEZZA.

Il 28, 29 e 30 NOVEMBRE. Bellezza, Creatività, Genio. Botticelli e Firenze. La Firenze rinascimentale di Lorenzo de' Medici, detto il Magnifico, è un concentrato di arte e cultura. Ma non è solo questo. Tra le innumerevoli botteghe e i palazzi del governo...

GUNDA

GUNDA

L' 1 e 2 DICEMBRE: Nonostante condividiamo ogni giorno il pianeta con miliardi di animali, siamo culturalmente condizionati a ignorarne la sensibilità e a considerarli come una mera risorsa utilitaristica. Victor Kossakovsky realizza un film intenso i cui protagonisti sono gli animali, prima...

INFERNO – VIOLENZA RIFLESSA – 2 opere di Franco Fontana

INFERNO - VIOLENZA RIFLESSA - 2 opere di Franco Fontana

SOLO IL 3 DICEMBRE: Due storie, due forme diverse di rappresentazione, con un obiettivo comune: parlare della violenza contro le donne. A ridosso della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’associazione culturale Belluno Ciak, da anni impegnata a...

UNA CANZONE PER MIO PADRE – SELEZIONE DI SR. EUGENIA

UNA CANZONE PER MIO PADRE - SELEZIONE DI SR. EUGENIA

L'8 NOVEMBRE: Una Canzone per mio Padre, film diretto da Andrew e Jon Erwin, è tratto da una storia vera, quella del cantante Bart Millard (J. Michael Finley), che trascorre l'infanzia in Texas, dove vive con la madre e un padre violento (Dennis Quaid).Quando sua madre lo abbandona in...

TICKET TO PARADISE – BIGLIETTO PER IL PARADISO

TICKET TO PARADISE - BIGLIETTO PER IL PARADISO

DAL 6 OTTOBRE: Tickets to Paradise, il film diretto da Ol Parker, ambientato a Bali, racconta la storia di una coppia divorziata (George Clooney e Julia Roberts), che ha intenzione di mandare all'aria in tutti i modi l'imminente matrimonio della figlia, impedendole di commettere lo...

BLACK ADAM

BLACK ADAM

DAL 20 OTTOBRE: Black Adam, il film diretto da Jaume Collet-Serra, vede protagonista Dwayne Johnson nei panni dell'anti-eroe della DC Comics, creato da Otto Binder e C. C. Beck nel 1945. Black Adam, il cui vero nome è Teth-Adam o Theo Adam, è un uomo dell'Antico Egitto ridotto in...

IL COLIBRÌ

IL COLIBRÌ

DAL 14 OTTOBRE: Il Colibrì, film diretto da Francesca Archibugi, racconta la vita di Marco Carrera (Pierfrancesco Favino), narrata tramite i ricordi dell'uomo in un percorso di vita che parte dai primi anni '70. Mentre si trova al mare, un Marco ragazzino conosce una sua coetanea...

FLEE di JONAS POHER RASMUSSEN

FLEE di JONAS POHER RASMUSSEN

IL 27 e 28 OTTOBRE: Amin ha 36 anni, vive in Danimarca, è un affermato docente universitario e sta per sposarsi con il suo compagno. Ma proprio poco prima delle nozze, il passato torna a fargli visita, facendogli ripercorrere gli anni della sua gioventù, quando dall’Afghanistan arrivò in nord...

COLDPLAY: MUSIC OF THE SPHERES, LIVE BROADCAST FROM BUENOS AIRES

COLDPLAY: MUSIC OF THE SPHERES, LIVE BROADCAST FROM BUENOS AIRES

SOLO IL 29 OTTOBRE: Coldplay. Music of the Spheres. Live broadcast from Buenos Aires, film diretto da Paul Dugdale, è un evento speciale che si terrà allo Stadio River Plate di Buenos Aires, proiettato in contemporanea mondiale, in occasione del loro tour globale Music Of The Spheres. I fan di...