THE ROSSELLINIS

THE ROSSELLINIS

Roberto Rossellini è stato un genio del cinema e un padre spiccatamente anticonformista. I suoi amori hanno riempito le prime pagine dei giornali di tutto il mondo, scandalizzando la rigida morale degli anni Cinquanta e dando alla luce una famiglia numerosa, orgogliosamente multietnica e decisamente allargata.  Alessandro, primo nipote del grande regista, ha avuto una carriera traballante da fotografo e un lungo passato di tossicodipendenza. Come primo nipote di un genio, non si sente all’altezza del cognome. Decide così di girare a 55 anni il suo primo film, affrontando con ironia la saga dei Rossellini e obbligando i parenti a un’impossibile terapia familiare davanti alla macchina da presa.

CAST ARTISTICO:
Roberto Rossellini (1903–1977) “Sono fuori dal branco, sono sbancato e braccato. Mi sono messo in testa di imparare il mestiere di uomo, che è il più difficile del mondo. Ma se per il mestiere di uomo ho qualche speranza, per quello di padre nessuna. Ho sei figli e quando ho imparato che cosa devo fare per un figlio di quindici anni, l’altro ne ha già venti. Sono sempre in arretrato, e il mestiere di padre non lo imparerò mai. Come non imparerò mai come mettere un po’ di ordine nella mia vita privata. Perché sento che combinerò sempre dei gran casini”.    da un articolo di Maria Pia Fusco, La Repubblica, 2 Giugno 1987.
Alessandro Rossellini (nipote) Nipote di Roberto, è il risultato della breve relazione tra Renzo e Katherine Cohen, una ballerina afro-americana. Cresciuto a Roma da sua nonna Marcella, si trasferisce a New York dove lavora un po’ nel cinema e molto nella fotografia di moda. Dopo un viaggio all’inferno come tossicodipendente, trasforma questa esperienza in un sostegno per gli altri, lavorando in alcune strutture che si occupano di dipendenze. Come tutti i Rossellini, anche lui ha due matrimoni alle spalle e due figli da mantenere.
Renzo Rossellini (figlio della prima moglie Marcella) Figlio di Roberto e della sua prima moglie, Marcella, romana di sette generazioni. È stato il figlio che più si è confrontato con la complessa figura del padre, con il quale ha condiviso la stessa passione per il cinema, firmando con lui la regia di alcuni film. Negli anni ’70 lascia il cinema per impegnarsi nei movimenti politici di estrema sinistra. Dopo la morte del padre torna alla produzione e alla distribuzione di film con alterne fortune. Vive oggi tra Roma e Los Angeles. Alle spalle tre matrimoni, due convivenze e quattro figli, tra cui Alessandro.
Robin Rossellini (figlio della seconda moglie Ingrid Bergman). È il primo figlio di Roberto Rossellini e Ingrid Bergman. Nato dopo il successo internazionale di “Roma Città Aperta”, la sua è stata una vita spesa nel jet-set. Da sempre in compagnia di donne bellissime (una fra tutte: Carolina di Monaco), forse anche per farsi notare dal padre, che lo considerava troppo bello per essere virile. Esaurita l’eredità di sua madre e sparito ormai da anni dai clamori delle cronache, si è trasferito definitivamente su un’isola remota della Svezia, lontano da tutti.
Isabella Rossellini (figlia della seconda moglie Ingrid Bergman). Bellissima, carismatica ed estroversa, da ragazza si trasferisce a New York dove in pochi anni si afferma come modella e poi come attrice internazionale. I suoi grandi amori: Martin Scorsese e David Lynch con il quale ha interpretato il suo ruolo più fortunato in “Velluto Blu”. Due matrimoni, una convivenza e due figli. Vive in una fattoria di Long Island alternando l’attività di contadina alla sua carriera nello show business. Si è autoproclamata portavoce ufficiale del ramo Rossellini-Bergman.
Ingrid Rossellini (figlia della seconda moglie Ingrid Bergman). Creatura timida e riservata, tutta il contrario della sorella gemella Isabella. È l’unica laureata in famiglia, insegna letteratura italiana comparata nelle università americane. Più volte in disaccordo con la sorella sull’uso spregiudicato che a volte viene fatto della memoria del padre e della madre. Due matrimoni e due figli. Conduce una vita riservata a New York.
Gil Rossellini (figlio adottivo). Il suo vero nome è Arjun Dasgupta. Adottato informalmente e cresciuto come un figlio da Rossellini che, nel frattempo, aveva sposato sua madre, Sonali, causando l’ennesimo scandalo, Gil ha patito la sua diversità rispetto ai figli naturali di Roberto. Documentarista e musicista appassionato, tra i suoi lavori più interessanti la trilogia “Kill Gil” sulla sua vita e sulla malattia che lo ha portato alla morte, a soli 52 anni.
Raffaella Rossellini (figlia della terza moglie, Sonali). Figlia naturale di Roberto e Sonali. Dopo una carriera come danzatrice moderna, ha lasciato l’Italia per il Sud America e poi per la Danimarca. Qui si è convertita all’Islam prendendo il nome di Nur. Si è sposata per procura con un cittadino degli Emirati Arabi Uniti, che è il suo attuale compagno. Vive a Sharjah, negli Emirati Arabi Uniti.

Nazionalità: Italiana
Anno: 2020
Durata: 100 min.

ORARI DELLE PROIEZIONI DI THE ROSSELLINIS



logo

Related posts

WAITING FOR THE BARBARIANS

WAITING FOR THE BARBARIANS

Waiting for the Barbarians, il film diretto da Ciro Guerra, segue la storia di un Magistrato (Mark Rylance), che si occupa degli eventi di un isolato insediamento di frontiera al confine di un impero senza nome. Con l'arrivo delColonnello Joll (Johnny Depp), il cui compito è quello di informare...

LOCKDOWN ALL’ITALIANA

LOCKDOWN ALL'ITALIANA

Una commedia tra risate e riflessioni che racconta la storia di due coppie che stanno per lasciarsi, ma che saranno invece costrette a vivere forzatamente sotto lo stesso tetto a causa del lockdown. Una vera commedia all'italiana.Regia di Enrico VanzinaUn film con Ezio Greggio, Ricky...

TRASH – LA LEGGENDA DELLA PIRAMIDE MAGICA

TRASH - LA LEGGENDA DELLA PIRAMIDE MAGICA

Scatole, bottiglie, latte. Rifiuti. Abbandonati in strada, nei mercati, sotto i ponti. Ignorati da chiunque. Inerti. Finchè non cala la notte... Slim è una scatola di cartone rovinata. Vive in un mercato, con il suo amico Bubbles - una bottiglia da bibita gassata - e altri compagni. Sopravvive...

LA VITA STRAORDINARIA DI DAVID COPPERFIELD

LA VITA STRAORDINARIA DI DAVID COPPERFIELD

La vita straordinaria di David Copperfield, film diretto da Armando Iannucci, è l'adattamento cinematografico del grande classico scritto da Charles Dickens, David Copperfield (Dev Patel). Un racconto della vita del personaggio letterario, dalla sua giovinezza fino all'età adulta, narrato in...

IL CASO PANTANI

IL CASO PANTANI

Il caso Pantani, film diretto da Domenico Ciolfi, racconta gli ultimi cinque anni della vita del ciclista romagnolo, in particolare dal 5 giugno 1999, quando è stato sospeso dalle gare, al 14 febbraio 2004, giorno della sua morte. La sua prematura scomparsa in circostanze poco chiare, che hanno...

BANKSY, L’ARTE DELLA RIBELLIONE

BANKSY, L'ARTE DELLA RIBELLIONE

Banksy - L’arte della ribellione, film diretto da Elio Espana, è un documentario su uno degli artisti più influenti del momento, che con la sua street art a sfondo satirico ha trattato temi politici, culturali ed etici contemporanei. Un vera corrente di pensiero, quella di Banksy, che è stata...

SUL PIÚ BELLO

SUL PIÚ BELLO

Sul più bello, film diretto da Alice Filippi, è la storia di Marta (Ludovica Francesconi), una ragazza di 19 anni non di particolare avvenenza, rimasta senza genitori durante l'infanzia e che è affetta da una malattia inguaribile e letale. Nonostante le tante avversità della vita, la ragazza...

UN DIVANO A TUNISI

UN DIVANO A TUNISI

Un divano a Tunisi, film diretto da Manele Labidi, è la storia della 35enne Selma Derwish (Golshifteh Farahani), giovane donna dal carattere forte e indipendente cresciuta insieme al padre in Francia, dove si è laureata in psicoanalisi. Decide di tornare nella sua città d'origine, Tunisi, per...

I PREDATORI

I PREDATORI

I predatori, film diretto da Pietro Castellitto, racconta la storia di due famiglie, i Pavone e i Vismara, molto diverse fra loro sia nella scala sociale che nella vita: intellettuale, ricchi, borghesi i primi; proletari, fascisti e incolti i secondi. Nonostante la loro estrema diversità...

Leave a comment